Star Wars, Darth Vader avrà la voce da un’intelligenza artificiale

Il futuro è qui e il cambio è epocale nella saga di “Star Wars”:  Darth Vader, uno dei personaggi simbolo della saga fantascientifica, non avrà più la voce di James Earl Jones. Sarà la voce creata da un’intelligenza artificiale a doppiarlo. James Earl Jones, dopo 45 anni di dialoghi ha dato il suo benestare. Anche perché a 91 anni proseguire era dura ma allo stesso tempo voleva che il personaggio avesse un futuro con una voce che non tradisse la tradizione.

La start-up che creerà questa voce. E’ ucraina e si chiama ” Respeecher”;  è specializzata nell’alterare la voce di attori invecchiandola o riportandola a quando erano più giovani. Tra i personaggi di “Star Wars” Darth Vader è uno dei più amati dai fan anche incarnazione del male. Parte del suo fascino è dovuto anche alla sua voce, per quanto modificata in maniera robotica.

Il retroscena

E pensare che Jones non fu la prima scelta per la voce di Darth Vader. Inizialmente sarebbe dovuto essere David Prowse (morto nel 2021), scelto da Lucas come interprete fisico di Vader per via del fisico statuario e della notevole altezza, a dar voce al supercattivo. Prowse era stato però scartato a causa di un forte accento del midwest che lo faceva suonare più come un contadino che come un dittatore galattico. Il regista aveva deciso così di sostituirne la voce in post-produzione con quella di un altro attore. Si pensò a quel punto a Orson Welles che venne però ritenuto fin troppo famoso e riconoscibile. Jones salì a bordo dopo che Lucas, avendolo visto nell’Otello a teatro, rimase colpito dalla sua potente voce baritonale. L’attore chiese, senza successo, di non essere inserito nei titoli di coda: pensava che non ci fosse nulla di artistico nella sua recitazione e fossero solo effetti speciali.

(Non perderti le altre news dal mondo)