Baby George on fire: “Mio padre sarà re, quindi meglio se stai attento”

E' accaduto a

Essere un royal baby ha i suoi pregi e difetti. E’ certo che si vivrà una vita di privilegi che, tuttavia, si riempie anche di una serie continua e infinita di impegni pubblici molto faticosi soprattutto da un punto di vista mentale. Si pensi a quanto presto iniziano gli appuntamenti dove l’etichetta la fa da padrona. Baby George di Galles, figlio di William e Kate ne ha già vissuti tantissimi e ha solo nove anni.
L’ultimo è stato proprio il funerale della sua bisnonna, la Regina Elisabetta II. Qui era stato anche ripreso da sua sorella minore, Charlotte, per la condotta da tenere nel momento in cui il feretro passava davanti a loro. Insomma un continuo stare sull’attenti per essere impeccabili. Così se poi le schermaglie arrivano da un tuo pari, un bambino di nove anni che è a scuola con te, in quel caso può esserci la reazione. Infatti, vittima di alcuni episodi di bullismo alla scuola che frequenta, Thomas’ Battersea di Londra, George avrebbe risposto all’irruenza di un suo compagno di classe dicendo “Mio padre sarà re, quindi meglio se stai attento”. A raccontare il divertente aneddoto, Katie Nicholl, firma del Daily Mail, nel suo ultimo libro The New Royals.

Un po’ di presunzione e anche un modo per difendersi quello di baby George. Quel che è certo è che, come si apprende dallo stesso libro, il royal baby, ha appreso il suo destino regale molto presto. Già a sei anni sembra che i genitori lo abbiano reso consapevole che siederà sul trono. Consapevole dunque del ruolo che erediterà ma senza appesantirlo di troppi doveri. Resta pur sempre un bambino di nove anni che con le sue espressioni regala momenti di innocente ilarità.

(Non perderti le altre notizie della capitale)