Municipio XI, il nuovo assessore è la moglie di un candidato alle Regionarie: “Alla faccia della meritocrazia”

notizie dsr-1_0000_maria rosaria porfido-2.jpg

Trenta curriculum esaminati oscurando nomi e cognomi e valutando solo i titoli, in ossequio alla trasparenza tanto decantata. Ma il nome della vincitrice desta subito sospetti. La dottoressa Maria Rosaria Porfido è il nuovo assessore alla Scuola del municipio XI, nominata con una memoria di giunta del 9 ottobre a due mesi dall’addio della precedente Marina Loi. Al netto delle competenze, più o meno valide, quel che fa storcere il naso è “l’ennesimo caso di parentopoli grillina”.

Porfido è la moglie di Salvatore Serra, candidato alle Regionarie, attivista della prima ora nel meet up di Arvalia e gestore del blog territoriale. Niente di male in assoluto, ma il legame parentale nelle nomine a carattere fiduciario rientra tra i caratteri del “sistema partiti” che ha visto nei grillini i nemici numero uno. Da qui l’attacco dell’opposizione. “Per chi ha fatto del merito e della trasparenza un cavallo di battaglia sin dal principio questa nomina pare l’ennesima panzana raccontata agli elettori” commentano i consiglieri di Fratelli d’Italia Fabrizio Santori, della regione Lazio, e Daniele Catalano del municipio XI, primi a mettere in dubbio quei criteri di meritocrazia assicurati per la selezione dalla giunta del minisindaco Mario Torelli. E sorge spontanea la domanda: il curriculum è in linea con il profilo richiesto?

Quarantanove anni, pugliese, sociologa professionista nel campo della gestione e sviluppo delle Risorse umane, affianca al lavoro “un solido impegno nel campo sociale”, come scrive sulla fanpage creata ad hoc per ricevere segnalazioni e comunicare con gli utenti. Per quanto riguarda la scuola è stata presidente del Comitato genitori dell’Istituto Comprensivo Solidati Tiburzi in zona Portuense, la scuola del figlio. Per qualcuno troppo poco sul fronte delle competenze dirette, specie alla luce di un legame, quello con il candidato Serra, che insinua dubbi sui criteri di scelta adottati.

“Ci chiediamo se siano stati veramente rispettati i tanto decantati principi meritocratici all’interno della maggioranza grillina del Municipio XI – chiudono i consiglieri di centrodestra – e cosa pensano di questa scelta cittadini, elettori ed attivisti del Movimento”. Detto ciò, “auguriamo senza pregiudizi un buon lavoro all’assessore”. Le scuole del territorio ne hanno decisamente bisogno.

 

In collaborazione con:

 romatoday

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Commenti